Tra i nuovi titoli di manager che si ridefiniscono come ruolo dentro le aziende, ci sono I Chief digital Officer, direttori di orchestra di tutte le attività digitali, coordinatori delle divisioni che afferiscono direttamente o indirettamente alle attività di SALES AND MARKETING.

Chi dall’interno dell’azienda imposta strategicamente il futuro digitale dell’azienda, non solo relativo all’adozione tecnologica ma soprattutto rispetto ai processi che vanno implementati (ed al come vanno implementati).

L’innovazione delle aziende che passa dalla trasformazione digitale, anzi dalla trasformazione. Perché il presupposto di investire nelle risorse umane che guidino il cambiamento è accettare che per ciascuna azienda in ciascuna industry, o geografia, non ci sia possibilità di pensare alla crescita senza passare dalla mappatura dei processi attivi e la loro possibile digitalizzazione. 

Il cambiamento si: riqualificare le persone e riorganizzare i processi aziendali, nonché adottare nuove tecnologie.

Il CDO supporta nella trasformazione digitale le aziende (grandi, piccole, micro) e i liberi professionisti, che vogliono integrare ecosistemi digitali nelle proprie attività. 

Quell’insieme di innovazioni che permettono alle diverse aziende, pubbliche amministrazioni di erogare un determinato servizio in modo più efficiente grazie anche all’introduzione della tecnologia.

La Digital Transformation non prevede però unicamente l’adozione di nuovi strumenti e tecnologie ma include anche un cambiamento di tipo “culturale” e l’adozione di un nuovo “mindset” lavorativo. 

Cosa fa il Chief Digital Officer?

Il Chief digital officer (CDO o come ribattezzato da noi in Maia) si occupa di definire la strategia grazie alla quale vengono stabilite tutte le azioni necessarie per migliorare i processi organizzativi e i servizi offerti. Strategia elaborata partendo dalle necessità e dal fabbisogno di chi deve affrontare la trasformazione stessa. Dopo aver esaminato i dati raccolti, il CDO individua quali siano i settori, le aree e gli strumenti da adoperare per trarre giovamento dalla trasformazione digitale.

Il ruolo di un CDO

Un Chief digital officer è un manager con alcuni anni di esperienza, ingrado di disegnare il modello di business attuale delle aziende e poi mixare dalle sue competenze per immaginare una strategia di business guidata dal digitale (dai processi alle vendite).

Lo fa costruendo il percorso e il team.

Il percorso è fatto di strumenti di Business Design, strumenti di Marketing e Sales e cruscotti di monitoraggio per tenere saldo il risultato immaginato e ottimizzare le azioni lungo la strada.

Il team è fatto di fornitori esterni e KEY people interne

La trasformazione ha infatti bisogno che alcune persone interne alle aziende, che per attitudine e competenze vengono individuate come chiave per attuare il progetto di cambiamento, vengano coinvolte, motivate e responsabilizzate sugli obiettivi da perseguire. 

I migliori CDO sanno condividere la visione e comunicarla a chi è parte dei processi.

L’evangelizzazione è un passaggio culturale fondamentale per le aziende in trasformazione digitale. La cultura svolge il ruolo più complesso. I manager che *hanno sempre fatto così* sono la pericolosa immagine di aziende destinate al fallimento; perchè come dimostra la storia di KODAK, esiste sempre un momento più o meno lontano in cui arriva un elemento esogeno a modificare il mercato di riferimento.

E se le aziende non hanno  compreso bene il job to be done, sono destinate a vedere fallire il proprio obiettivo.

Quindi quali sono le attività che ricadono nel ruolo di un CDO?

Avere obiettivi chiari, KPI’s monitorabili, GANTT e strumenti di condivisione, individuare le persone, i fornitori, gli step giusti, ottimizzare il budget, mappare i processi attivi, implementarli su strumenti com CRM, monitorare l’andamento dei processi implementati.

Competenze tecniche e soft skills più abbastanza esperienza nella comprensione delle dinamiche complesse dentro le aziende, questo invece fa di un Chief digital officer un ottimo Manager al fianco delle aziende in trasformazione.

Un CDO deve essere in grado di articolare un progetto complesso e tradurlo in esecuzione a blocchi, gestibile per le risorse interne alle aziende, che renda il cambiamento incrementale e sostenibile; pensiamola soprattutto dalla parte del management vecchio stampo.

Chi ha sempre prodotto fatturato in un certo modo, anche non ottimizzando nessun tipo di processo o creandolo, non deve percepire lo sforzo della trasformazione.

Più è difficile meno sarà condivisa.

Per questo un Chief Digital Officer offre la sua consulenza principalmente per supportare il management nella traduzione delle aspettative e delle esigenze, disegnandone KPI’s e rendendo comprensibili le diverse azioni necessarie.

La formazione e la cultura a sostegno delle aziende è una chiave imprescindibile.

Il chief digital officer, quindi, non è solo un manager di una divisione aziendale che afferisce all’IT o al Marketing.Il CDO guida la consulenza stretgica dell’intera azienda, disegnando attraverso il digitale, anche, la nuova vita delle aziende stesse. Dai modelli di business ai processi per attuare, alla filosofia della Gestione delle risorse umane, il recruiting delle competenze necessarie alla trasformazione, al formazione delle risorse interne, l’adozione delle giuste tecnologie.

Un giveaway

Se hai letto questo articolo e pensi che alla tua azienda potrebbe servire un consulente CDO allora è il momento di altre domande.

La prima riguarda la fase del percorso in cui la tua azienda si trova: chi ha maturato e quando la consapevolezza di questa esigenza?

la seconda domanda riguarda la situazione attuale della tua azienda: hai mai mappato davvero le esigenze di trasformazione? Come usi questa competenza/consapevolezza?

Con Maia Management abbiamo elaborato una survey che misura il grado di digitalizzazione della tua azienda gratuitamente.

La ricerca verrà pubblicata in modo anonimo su un Paper dedicato.

Si può partecipare accedendo al link sottostante ed al termine  ricevere gratuitamente un report con i consigli per migliorare il livello di digitalizzazione in azienda. https://info687435.typeform.com/to/QH6ENLN7

Sonia China
Autore Sonia China

Chief digital officer, mi occupo da circa 15 anni di scenari di innovazione e Business passando dalla formazione, la divulgazione è la creazione di impresa.
Un approccio tecnico che si coniuga ad una capacità di visione di insieme sono le soft skills che più caratterizzano la mia azione di divulgazione e consulenza.
Le unisco ad un comparto di competenze verticali nel mondo del Business management, digitale e tecnologie al servizio del cambiamento, ed una passione per il design di tutte le esperienze più trasformative presenti sul mercato.
Completano il profilo la mia passione per le STEM (il Coding in modo speciale) e la loro divulgazione dai ragazzi ai manager di azienda.

Share This